Caldaie a gas: stop dal 2025 se almeno il 51% non è rinnovabile

La Direttiva EPBD vieta l’installazione di caldaie a gas a partire dal 2040, dopo la fine degli incentivi.
Le norme dell’Unione europea sulle caldaie a gas alimentate da combustibili fossili sono più rigide. La Commissione Europea starebbe lavorando sulle linee guida per l’attuazione della Direttiva Case Green, secondo una fonte esclusiva del Sole24Ore. I tecnici europei hanno stabilito una scadenza per l’incentivo delle caldaie alimentate da combustibili fossili al 1° gennaio 2025, a condizione che “attraverso la rete, non arrivi almeno il 51% di combustibili rinnovabili, come il biogas”.

Questa scadenza è stata comunicata al quotidiano economico.

La Commissione ha deciso di creare un vademecum specifico per eliminare ogni dubbio, poiché il testo di revisione della Direttiva EPBD, approvato dal Parlamento lo scorso marzo, rimane troppo ambiguo su questo aspetto.

Tuttavia, “si tratta di indicazioni che non vincolano i Paesi membri come direttiva ma che, di certo, danno un indirizzo preciso sulla direzione delle politiche di Bruxelles”, sottolinea il Sole24Ore.

Due passi fondamentali per l’Italia

Due i passaggi fondamentali per le caldaie a gas in Italia sarebbero inclusi nella bozza di linee guida presentata dalla Commissione.

Il primo definisce gli incentivi finanziari come “qualsiasi forma di supporto economico fornito da un soggetto pubblico”. Pertanto, ci sono contributi per gli installatori e per chi acquista.
Nel frattempo, il secondo fornisce una spiegazione del significato delle caldaie alimentate da combustibili fossili.
“Il fatto che una caldaia a gas sia considerata come alimentata da combustibili fossili dipende dal mix di combustibili presenti in rete al momento dell’installazione”, secondo un articolo letto dal Sole24Ore. Invece, indipendentemente dal combustibile effettivamente utilizzato, gli operatori del settore avevano previsto un’apertura nei confronti dei biogas.
Ma la Commissione ha affermato che questa richiesta non era sufficiente: L’installazione di caldaie non sarà incentivata nei casi in cui la rete locale trasporta principalmente gas naturale. Invece, se la rete locale utilizza principalmente combustibili rinnovabili, l’installazione di caldaie può essere incentivata finanziariamente.

Un requisito del genere eliminerebbe completamente le agevolazioni per le caldaie a gas per il nostro paese.

Se le linee guida saranno approvate, il governo italiano dovrà fare molto lavoro per trovare un altro sistema di incentivi e bonus.Tecnico Gas meglio le stufe a pellet